mercoledì 23 novembre 2016

Cienfuegos - Leggi l'anteprima gratuita dell'ebook


Cienfuegos

Un mondo nuovo
Di Alberto Vázquez-Figueroa

Edizione digitale © 2016

Edizioni
Logus mondi interattivi
Traduzione: Silvia Cremascoli
eBook design e cover: Pier Luigi Lai - Logus mondi interattivi

© Tutti i diritti riservati.
Vietata la riproduzione, anche parziale.
ISBN: 9788898062805


Alberto Vázquez-Figueroa

Cienfuegos

UN MONDO NUOVO
* * *
Edizioni


A Iche:

l’unica donna che conosco in grado

di dare sempre tutto senza
chiedere nulla in cambio


PREMESSA

Probabilmente, se dovessimo definire l’opera di Alberto Vázquez-Figueroa diremmo che è immaginazione pura.
Le sue storie sono avventura, divertimento e insidia. Tra i suoi lettori c’è gente di ogni tipo, di ogni strato sociale, culturale e professionale. È uno di quegli scrittori che tutti possono leggere e apprezzare.
La letteratura di Vázquez-Figueroa è piena di peripezie, di idee e di storia, e tutto questo riecheggia nella mente del lettore quando finisce un suo libro. L’autore riesce a creare una memoria peculiare in quelli che lo seguono nei suoi “viaggi letterari”
È un po’ ciò che sostiene Robert Louis Stevenson:

la lettura deve assorbirci, è un processo voluttuoso […]
ci dobbiamo dimenticare di noi stessi,
e finire il libro con la testa piena del più confuso
e caleidoscopico ballo di immagini, incapaci di dormire […]1


L’opera di Vázquez-Figueroa è una rivendicazione per quel tipo di letteratura che molte volte è stata definita superficiale, di svago, giovanile. D’altronde, proprio i libri di Stevenson, Dumas, Conrad, London, Verne, da cui l’autore prende spunto, sono stati capaci di formare generazioni di lettori capaci di ritrovare nel loro futuro quegli universi nuovi e sconosciuti delle pagine della loro infanzia.
Vázquez-Figueroa mantiene lo stesso stile in ogni sua opera: tutto è subordinato all’azione dei personaggi, alla loro descrizione e alle loro parole. In questo modo tutto è immediatamente chiaro per il lettore: può immaginare tutto senza problemi… Le parole si diluiscono, quasi scompaiono per lasciare spazio a immagini, azioni e dialoghi.
E la Storia? L’autore ricrea liberamente, ed è un passaggio fondamentale per tutti i romanzi storici e di avventura di Vázquez-Figueroa. Come per Dumas, i personaggi storici, siano essi più o meno importanti, non sono più di uno strumento per sviluppare una storia intrigante.
La Storia diventa uno strumento per sedurre il lettore.

29 luglio 2016
Roberta Botta


PARTE PRIMA

INFANZIA




Non ebbe mai un nome di battesimo.
Da quando ne aveva ricordo – e la sua memoria si limitava a boschi, dirupi, solitudine e capre di montagna –, tutti l’avevano sempre chiamato con il soprannome di Cienfuegos e non aveva mai saputo con certezza se quel nome derivasse dal cognome della madre, o dal colore dei capelli, o se fosse semplicemente un soprannome dai motivi ignoti.
Parlava poco.
Le sue conversazioni più profonde non erano mai fatte di parole, ma di suoni, fischi prolungati e cadenzati appartenenti a un linguaggio proprio ed esclusivo dei pastori e dei contadini dell’isola, utilizzato per comunicare da montagna a montagna; in confronto alla semplice voce umana, era senza dubbio la forma d’espressione più logica e pratica in quella natura selvaggia.
In un mattino fresco e tranquillo, in cui i suoni riecheggianti da una parte all’altra sulle pareti di roccia sembravano attraversare con dolce soavità l’aria umida e pulita, Cienfuegos era in grado di instaurare una conversazione perfettamente chiara con lo zoppo Bonifacio, che da fondovalle lo metteva solitamente al corrente delle informazioni sul villaggio trasmessegli a sua volta dal cugino Celso, il Chierichetto.
Venne così a sapere che il vecchio Padrone stava per ricevere l’estrema unzione e intraprendere il Camino de Chipudes, il che significava che presto nuovi signori sarebbero arrivati alla Casona; senz’ombra di dubbio la prima vera novità degna di considerazione nei suoi pochissimi anni di esistenza.
Nessuno sapeva quanti anni avesse.
Non era possibile in alcun modo saperlo, dato che nessuno si era preso la briga di registrare il giorno o l’anno in cui era venuto al mondo, e nonostante il suo corpo, robusto e muscoloso, fosse già quello di un giovanotto fatto e finito, il viso, la voce e la mentalità erano invece quelli di un adolescente che non voleva ancora abbandonare il difficile e affascinante mondo dell’infanzia.
Non ebbe neanche un’infanzia.
I suoi giochi consistevano solamente in lanciare pietre e fare il bagno negli stagni, sempre in solitudine, mentre i suoi unici affetti erano alcuni uccelli, un vecchio cane e capretti che alla fine crescendo diventavano bestie noiose, sgradite e astiose.
Sembra che la madre fosse una capraia molto più selvaggia e maleodorante delle stesse bestie di cui si occupava, e il padre quel Padrone che ora si trovava quasi nel braccio della morte e sarebbe andato nella tomba senza ammettere di aver lasciato sull’isola più di trenta figli bastardi dai capelli rossicci.
La bella chioma a metà tra il biondo e il ramato, che gli ricadeva liberamente sulla schiena, rappresentava senz’ombra di dubbio l’unica eredità visibile lasciatagli dal genitore; un’eredità che condivideva con un’altra dozzina di ragazzini nelle vicinanze, prova vivente degli incontenibili appetiti sessuali e dell’innegabile fascino del signore della Casona.
Non sapeva leggere.
Dato che a malapena parlava, la lettura gli sarebbe servita a poco, considerato che la maggior parte delle parole gli era del tutto sconosciuta, ma non c’era nessuno, invece, su quell’isola che conoscesse meglio i suoi segreti, che ne sapesse di più sulla natura e i suoi continui cambiamenti, o che fosse capace di lanciarsi con più decisione tra le falesie e i dirupi, saltando i precipizi aiutato solo da un coraggio che rasentava l’incoscienza e una lunga pertica che usava per superare vani larghi fino a dodici metri o per lasciarsi scivolare, in modo da scendere in pochi minuti da un faraglione scosceso e irregolare.
Aveva caratteristiche un po’ da capra, un po’ da scimmia e un po’ da gheppio, perché a volte riusciva incredibilmente a rimanere in equilibrio su una semplice sporgenza rocciosa a metà di un baratro e si sarebbe potuto credere che a un certo punto, nel saltellare da una roccia a quella di fronte, rimanesse sospeso e sostenuto in aria, come se la sua profonda ignoranza gli impedisse di accettare che esistevano sin dall’antichità leggi rigide e inamovibili sulla gravitazione dei corpi.
Non mangiava quasi nulla.
Gli erano sufficienti alcuni sorsi di latte, un po’ di formaggio e i frutti selvatici che trovava sul suo cammino, ed era senza dubbio un vero e proprio miracolo della sopravvivenza, dato che solo la mano di Dio avrebbe potuto attribuirsi il merito di averlo fatto crescere forte e sano nei lunghi anni in cui aveva vissuto praticamente da solo nel cuore delle montagne.
Si sentiva felice.
Non conoscendo altro che quella vita di perenne libertà, in cui non doveva neanche dipendere da un luogo che potesse considerare come alloggio permanente, vagabondava a suo piacimento dietro al bestiame senza rendere conto a nessuno delle sue azioni, se non a se stesso o al fattore vecchio e indifferente che due volte all’anno saliva a controllare che gli animali continuassero a incrementare il patrimonio del suo padrone.
In realtà, non interessava molto a nessuno di quelle bestie, che costituivano solo uno dei tanti greggi sparsi per i dirupi nelle vicinanze, greggi che divenivano semplici numeri al momento di determinare il valore di una proprietà che negli ultimi tempi aveva molti più interessi nel mare e nel florido commercio con la metropoli, piuttosto che nella coltivazione dei terreni o nello sfruttamento razionale di carne e latte.
Seduto in cima alla falesia, con le gambe che ondeggiavano su un baratro che avrebbe ritorto lo stomaco a chiunque dalle vertigini, il ragazzo osservava spesso il porto in lontananza o le grandi navi ormeggiate nella baia, chiedendosi cosa diamine potessero contenere i fusti e le balle che calavano a terra e a chi diavolo potessero servire tante cose assurde.
Nei primi tredici anni della sua vita, Cienfuegos si limitò, quindi, a essere lontano spettatore di una vita che andava sviluppandosi con particolare monotonia a fondovalle o nella baia, senza mai dimostrare il benché minimo interesse nel prendervi parte, dato che le poche volte in cui aveva osato osservarla da vicino, era giunto alla dolorosa conclusione che si trovava molto più a suo agio tra le capre.

>>>acquista ora su Logus

La prima volta che visitò il villaggio, un prete lo rincorse con l’infausto proposito di battezzarlo e di dargli un nome, ma la sola idea che gli bagnassero la testa con l’acqua benedetta mentre pronunciavano parole oscure gli fece pensare che fosse roba da stregoni, al che optò per la soluzione più semplice, ossia afferrare la sua pertica, fare un salto fin sul tetto della chiesa e da lì saltellare verso una roccia vicina, cosa che lo portò subito sul suo terreno di gioco e gli permise di fare ritorno senza problemi alle sue tranquille gole e montagne.
Anni più tardi, su richiesta dello zoppo Bonifacio, decise di scendere di nuovo in paese per fare rimbombare i tamburi durante la festa del santo patrono e anche se quel giorno il prete era troppo occupato per gironzolargli dietro, ebbe lo stesso la sfortuna di imbattersi in una viuzza solitaria nella vedova Dorotea, una donnona enorme e baffuta che si ostinò ad assicurargli che era stata amica di sua madre e perciò non poteva accettare che il figlio di una persona di cui conservava ricordi tanto piacevoli dormisse all’aria aperta.

Entrare in una casa fu un’esperienza traumatizzante per il giovane pastore dai capelli rossi, dato che appena la porta si chiuse alle sue spalle si sentì come se l’avessero seppellito vivo, fu invaso da una profonda angoscia ed ebbe l’impressione che respirare liberamente gli costasse uno sforzo enorme.
Come se non bastasse, l’invadente cicciona si mise in testa l’assurda idea che lui puzzava di letame e di caprone, ignorando i suoi stessi fetori e il sudore che le scendeva dalla fronte e le inumidiva il baffo, finendo quindi col metterlo in una bacinella d’acqua tiepida per strofinarlo con insistenza mentre lo insaponava scrupolosamente, fino a farlo risplendere e odorare di lavanda.
Poco dopo accadde il fatto più assurdo e incredibile di cui il povero ragazzo avesse mai avuto notizia, visto che sebbene non avesse mai sentito parlare di cristiani antropofagi, avendo sempre creduto che fosse un’abitudine tipica dei selvaggi africani, la vedova Dorotea dimostrò la sua smisurata passione per la carne umana lanciandosi con ansia sulle sue cosce, apparentemente decisa a divorarlo vivo a cominciare dalle sue parti più delicate ed accessibili.
Con un urlo di terrore l’impaurito Cienfuegos fece un salto, rischiando di lasciarle un pezzo di prepuzio tra i denti, e buttandosi di testa dalla finestra cadde in tutta la sua lunghezza in mezzo al porcile, rovinando all’istante lo sforzo del bagno e correndo il rischio che un enorme maiale finisse il lavoro iniziato dalla grassona.


Fuggì dal paese nudo, spaventato e con addosso puzza di merda, giurando a se stesso che non sarebbe mai più sceso dalle sue montagne, visto che il mondo delle valli e della costa gli era sembrato un luogo folle e oscuro, di cui si rifiutava di comprendere le regole di comportamento da quello stesso momento.
Perciò, quando in un piovoso mattino di maggio il fedele Bonifacio gli chiese di presenziare al funerale del signore della Casona, che aveva deciso di intraprendere – decisamente controvoglia – il finale Camino de Chipudes, per la prima volta nella sua vita fece orecchie da mercante e si limitò a osservare dalla chioma di un palmizio, che protendeva pericolosamente verso il vuoto, il lungo corteo funebre perdersi in lontananza.
Il nuovo signore della tenuta ci impiegò quasi tre mesi a prendere definitivamente residenza alla Casona, poiché nonostante l’avesse seminata di bastardi, il defunto non aveva lasciato alcun erede legittimo sull’isola e toccò a un nipote, giunto da terre molto lontane e dunque estraneo alle usanze locali, prendere possesso della splendida valle, dei monti circostanti, dei fitti boschi e delle centinaia di capre, maiali e pecore che pascolavano liberamente in lungo e in largo per quell’orografia tormentata, la più accidentata che si potesse trovare sulla superficie del pianeta.

>>>acquista ora su Logus

Indice
PREMESSA
INFANZIA
ADOLESCENZA
MATURITÀ

FAMIGLIA

martedì 22 novembre 2016

Hielo Negro: leggi l'anteprima gratuita dell'ebook

Hielo Negro

Di Bernando Fernandéz
Edizione digitale © 2016

Edizioni
Logus mondi interattivi
Traduzione: Roberta Botta
eBook design e cover: Pier Luigi Lai - Logus mondi interattivi

© Bernando Fernandéz, BEF.
c/o Schavelzon Graham Agenzia Literaria, S.L.
www.schavelzongraham.com

© Tutti i diritti riservati.
Vietata la riproduzione, anche parziale.
ISBN: 9788898062768





Bernando Fernandéz

HIELO NEGRO


* * *
Edizioni



Ci sono davvero poche persone con cui potrei
stare spalle a spalle in mezzo a una sparatoria.
Una di queste è Paco Haghenbeck
e perciò questo romanzo è dedicato a lui.


Love is a negative form of hate
(L’amore è una forma negativa di odio)

ROGER ZELAZNY, This Immortal





CAPITOLO 1

Un quarto d’ora prima che la sua testa esplodesse in mille pezzi, la guardia ausiliaria Ceferino Martínez, alias l’Oaxaca finì la sua ultima ronda notturna.
– Due e quattordici, qui è ventisette che parla, sto ritornando – informò la centrale via radio dalla guardiola. Era tutto in ordine.
Si sedette, sciolse il nodo della cravatta e accese la radio sulle frequenze di “Sabrosita”.
Inumidì con la lingua la punta di un Delicado senza filtro, gli piaceva il sapore dolce della carta di riso. Lo prese tra le labbra prima di accenderlo, come vedeva fare dai poliziotti nei film. Aspirò profondamente prima di soffiare una striscia azzurrognola.
Non gli rimaneva che aspettare il cambio di guardia tra un quarto d’ora, a mezzanotte precisa.
Diede un secondo tiro al sigaro. Ad ogni boccata, osservava con attenzione le evoluzioni del fumo. Trovò profondamente sensuali le forme circolari.
Gli ricordavano le natiche di sua moglie.
Ventiquattro ore prima era arrivato al suo turno di guardia ancora agitato dopo aver penetrato Margarita sul tavolo della piccola camera che avevano affittato a Iztapalapa.
La coppia, proveniente dalla costa di Oaxaca, si era stabilita nel pericoloso quartiere della Minerva. Lei lavorava come domestica. Ceferino aveva fatto il giardiniere finché non aveva trovato posto come guardia ausiliaria.
Dopo dieci anni di matrimonio e tre figli, l’Oaxaca continuava a trovare irresistibili le natiche di sua moglie. Trovava affascinante la delicata linea con la quale la sua vita si allargava sui fianchi, quel fondoschiena moro e vellutato che era solito percorrere con la lingua prima di prenderlo a morsi.
Pensava a questo, la guardia, masticando l’ultimo boccone dell’involtino che sua moglie gli aveva servito per cena, mentre lavava i piatti.


La moglie si inclinò sul lavandino per cercare il detersivo quando sentì le mani di suo marito palparla con lentezza.
– I bambini… mormorò, sapendo già che non sarebbe servito a nulla. In ogni caso i figli avrebbero fatto finta di dormire, impauriti dalla furia del padre.
Ceferino le aveva già alzato la gonna e abbassato le mutande. Margarita sentì subito i dolorosi morsi affondare nella sua carne. Pensò ai segni che di solito le lasciava.
– Pietà – lo pregò. Cosciente dell’inutilità delle sue suppliche, chiuse gli occhi. Sentì la prima spinta.
Ascoltò i gemiti di suo maritò. Strinse le labbra. A Ceferino non piaceva che si lamentasse. In qualche minuto tutto sarebbe finito, rimaneva solamente il dolore. Si rifugiò nell’altra camera, nascondendo le sue lacrime, affogando i suoi singhiozzi. Aveva paura di irritare suo marito.
– E non pensare di andartene, o ti faccio vedere l’inferno – disse Ceferino uscendo, mentre si tirava su i pantaloni.
Ventiquattro ore dopo, ricordandosi questo episodio mentre era in guardiola, ebbe un’erezione. “Aspetta che torno a casa, puttanella”, pensava fumando.
Semianalfabeta, l’Oaxaca presentò un certificato falso comprato in piazza Santo Domingo per cercare lavoro. Quando dovette seguire l’addestramento alla Cancerbero, l’agenzia di vigilanza privata in cui lavorava, gliene importò poco di non aver finito le elementari. Ceferino Martínez aveva sbagliato con il giardinaggio, era un poliziotto nato.
Di poche cose aveva beneficiato tanto quanto imparare a sparare o a maneggiare il randello. Varie volte era rientrato in casa ubriaco dopo aver bevuto con i colleghi finito l’addestramento, per fare pratica con le rinomate tecniche di persuasione e dominazione su Margarita e i bambini.
La cosa migliore era che non lasciavano segni né lividi.
Vigilanza Cancerbero, S.A di C.V., era un’agenzia di vigilanza privata fondata dal generale Díaz Barriga, esperto in sicurezza nazionale e in gruppi di ribelli elitari, morto anni prima in un incidente aereo.
Ora l’azienda era diretta dalla vedova del militare, la signora Conchita, una dolce anziana appassionata di armi da fuoco e tecniche di persuasione.
Ceferino, che iniziò potando il giardino della casa di Polanco dei Díaz Barriga, si era conquistato la simpatia della coppia con il suo sorriso e il suo impegno sul lavoro.
Con gli anni, dopo la morte del generale, l’Oaxaca diventò uno dei favoriti della signora Conchita grazie alla sua voglia di migliorarsi e all’impegno che metteva negli addestramenti.
Nessuno si sorprese quando l’Oaxaca salì rapidamente di grado nella Cancerbero fino a diventare supervisore. Ora era il responsabile del suo turno nella vigilanza dei laboratori medici Cubilsa.
Era un lavoro tranquillo, non si lamentava se non nei giorni come quello, in cui arrivava in laboratorio un carico di pseudo efedrina. Il container veniva scortato da soldati come se si trattasse di una bomba atomica.
Il personale amministrativo, tecnico e di sicurezza dell’impianto doveva firmare in triplice copia la ricezione della sostanza, e poi fare un meticoloso controllo del materiale.
– Sembra che trasportino coca ‘ste teste di cazzo – diceva l’Oaxaca a voce bassa a Goyito, un compaesano di Cuicatlán che lavorava ai suoi ordini.
– Porca puttana, la usano per lo sciroppo per la tosse – rispondeva Goyo ; me lo ha detto Aidita, una delle chimiche. La biondina.


Ceferino sapeva perfettamente di chi stesse parlando Goyo. Diverse volte aveva chiuso gli occhi mentre sodomizzava sua moglie immaginandosi di penetrare la tecnica di laboratorio.
Il procedimento durò diverse ore di fronte alla noia di tutti i presenti.
Verso le otto circa i soldati se ne andarono. Per le dieci, il laboratorio era vuoto, le due tonnellate della sostanza erano state depositate in magazzino.
Alle undici e trenta, dopo un giro infruttuoso al bagno dovuto alla sua stitichezza cronica, Ceferino fece un ultimo controllo nel laboratorio prima che i suoi colleghi gli dessero il cambio.
Ogni turno comprendeva un’unità di sei uomini che lavorava per ventiquattro ore e si riposavano per altrettante. Un laboratorio piccolo come il Cubilsa non aveva bisogno d’altro.
L’Oaxaca continuò a fumare fino a che il mozzicone gli bruciò le labbra, come quando fumava erba. Non lo faceva da quando la signora Conchita aveva stabilito il controllo antidoping mensile.
Goyo diceva che bevendo due bottiglie grandi di Gatorade azzurro l’esame delle urine diventava negativo. Ma all’Oaxaca, oltre a sembrargli costoso, non piaceva nemmeno quella robaccia. Preferiva trattenersi, non voleva perdere la fiducia della sua capa.
Ciò non gli impediva di portarsi via un paio di chili di roba buona ogni volta che andava al suo paese. Il suo miglior cliente era un collega di un altro turno, uno della Costa Grande che chiamavano l’Acapulquito dalla Costa Grande. “Quanto fuma quel testa di cazzo”, pensò Ceferino, divertito. Non aveva mai visto l’Acapulco risultare positivo all’antidoping. Né bere Gatorade azzurra.
Pestò il mozzicone sotto lo stivale. “Magari morissi”, cantava Pesado per radio.
Cinque minuti prima di morire, Ceferino chiuse gli occhi e pensò a Vanessa, la figlia della padrona di un bordello di Pochutla che lo aveva mandato a fottersi. Canticchiò un rap appassionato a occhi chiusi, ogni parola gli bruciava sulle labbra. Poteva vedere gli occhi neri di Vane sotto le sue ciglia spesse davanti a lui, poteva quasi toccarla.
Il campanello della porta suonò e lo riportò alla realtà.
“Ah cazzo, mancano tre minuti” pensò dopo aver guardato l’ora. Uno dei procedimenti della Cancerbero consisteva nel sincronizzare gli orologi.
Nel monitor l’Acapulquito l’osservava con uno sguardo assente.
– Tre e quattordici – Disse Ceferino allo schermo.
– Sedici – rispose l’Acapulco, come distratto.
– Hai la febbre amico? Chiese l’Oaxaca.
– Ehi– rispose l’amico, senza che Ceferino vedesse muovere le labbra.
– Procedo – avvertì e camminò fino alla porta. Lì, digitò la chiave di sicurezza che apriva le entrate.
– Cazzo Aca, porca puttana. Ti ho già detto di non fumare quando sei in servizio. Se la signora ti scopre ti appende per le palle – disse l’Oaxaca aprendo la porta.
Il guerrerense non rispose.
– E allora?
Il capo del nuovo turno svenne, Ceferino riuscì appena a schivare il corpo del suo amico. Una volta caduto davanti a lui, scoprì un coltello da macellaio infilzato nel capocollo di Acapulco, lì all’inizio della schiena.
L’Oaxaca non seppe che fare. Soffocò un grido in gola. Tolse la pistola dalla fondina. Avrebbe iniziato a sparare appena avesse alzato lo sguardo se non avesse trovato di fronte a lui un gorilla armato di un fucile.
Il secondo che ci mise a reagire gli costò la vita.
Se avesse avuto più tempo, avrebbe potuto assimilare che ciò che aveva davanti a lui era un uomo travestito da scimmia. Ma in quell’istante di confusione il gorilla alzò la doppia canna del suo fucile Mosseberg all’altezza degli occhi dell’Oaxaca e sparò.
Quando il corpo di Ceferino Martínez cadde per terra di schiena, era già morto. Altrimenti forse avrebbe goduto del modo quasi miracoloso in cui gli spasmi intestinali avevano curato la sua stipsi.
Probabilmente si sarebbe anche divertito a vedere come un commando di uomini travestiti da gorilla entravano nei Laboratori Cubilsa, S. A. di C. V., riducendo in pochi minuti gli altri cinque vigilanti del turno in cadaveri.
Una scena comica, degna di un film.
Vedere le scimmie far entrare un camion e caricare le due tonnellate di pseudo efedrina non avrebbe fatto tanto piacere all’Oaxaca.
Il giorno dopo ci sarebbe stato un gran caos. La signora Conchita l’avrebbe appeso per le palle, come le piaceva dire.
Fortunatamente, era morto.

Per continuare a leggere questo eBook:

Indice completo dell'opera
CAPITOLO 1
CAPITOLO 2
CAPITOLO 3
CAPITOLO 4
CAPITOLO 5
CAPITOLO 6
CAPITOLO 7
CAPITOLO 8
CAPITOLO 9
CAPITOLO 10
CAPITOLO 11
CAPITOLO 12
CAPITOLO 13
CAPITOLO 14
CAPITOLO 15
CAPITOLO 16
CAPITOLO 17
CAPITOLO 18
CAPITOLO 19
CAPITOLO 20
CAPITOLO 21
CAPITOLO 22
CAPITOLO 23
CAPITOLO 24
CAPITOLO 25
CAPITOLO 26
CAPITOLO 27
CAPITOLO 28
CAPITOLO 29
CAPITOLO 30
CAPITOLO 31
CAPITOLO 32
CAPITOLO 33
CAPITOLO 34
CAPITOLO 35
CAPITOLO 36
CAPITOLO 37
CAPITOLO 38
CAPITOLO 39
CAPITOLO 40
CAPITOLO 41
CAPITOLO 42
CAPITOLO 43
CAPITOLO 44
CAPITOLO 45
CAPITOLO 46
CAPITOLO 47
CAPITOLO 48
CAPITOLO 49
CAPITOLO 50
CAPITOLO 51
CAPITOLO 52
CAPITOLO 53
CAPITOLO 54
CAPITOLO 55
CAPITOLO 56
CAPITOLO 57
CAPITOLO 58
CAPITOLO 59
CAPITOLO 60
CAPITOLO 61
POST SCRIPTUM
Note
Biografia
BERNARDO FERNÁNDEZ, BEF

martedì 30 agosto 2016

Recensione Hielo Negro




Hielo Negro di Bernardo Fernádez è un libro fantastico.
In una recente intervista in lingua madre rilasciata dall’autore ai suoi fan gli viene posta la domanda “come mai sei così conosciuto in Messico e in Sud America e ancora poco conosciuto in Italia e in Europa?”, devo dire la verità anche io mi ero posta la stessa domanda man mano che le pagine di questo libro scorrevano.
Hielo Negro si potrebbe definire un noir poliziesco, che si basa su una storia di narcotraffico ambientato principalmente in Messico, e potrebbe sembrare una cosa scontata, ma questo libro tutto è fuorché scontato. È appassionante e intenso, come una piccola perla che ti capita di trovare per caso. Ma del resto è solo un caso che questo autore abbia ancora poca fama qui da noi, e presto ne sentiremo parlare spesso.
Niente di prevedibile, personaggi che scivolano gli uni sugli altri, colpi di scena incalzano in una suspense carica di pathos. A ben guardare anche la definizione del genere si potrebbe modificare in: un romanzo cyberpunk poliziesco.
Lo scrittore, già disegnatore di fumetti e noto con il soprannome di Bef, non risparmia all’interno del giallo neanche la parte musicale.
I suoi personaggi così forti, mai buoni, ascoltano musica dura: metal, rock, punk, hardcore.
La storia ruota intorno alla realizzazione di una nuova droga che abbia in sé tutte le caratteristiche per diventare la regina nel mercato mondiale:

"Immagina di non provare paura. Perdere il timore di morire. Di sparire. Essere libero di colpo da qualsiasi ansia esistenziale. E godere. Godere. Questo è il nostro nuovo prodotto. Quello che sta sviluppando il Medico. E appena riuscirà a creare una molecola stabile, lo chiameremo Hielo Negro. Così in spagnolo”.

Come mai “Hielo Negro?” chiede ancora qualcuno durante l’intervista e la risposta riguarda sempre la musica, l’autore era in auto e stava ascoltando una canzone degli AC/DC “Black Ice” ed ha pensato che fosse un nome appropriato per una sostanza, un ossimoro di sensazioni che bene esprime la potenza della droga.

“Ciò che cercava Lizzy era niente meno che la pietra filosofale delle droghe industriali: un inibitore selettivo della vasopressina e della oxitocina, i neuropeptidi che regolano l’ansia e l’affetto, combinato con una anfetamina. Un farmaco che blocchi la paura e l’empatia, che allo stesso tempo ti faccia sentire in orbita per ore. Il Medico era stato abbastanza stupido (o arrogante) per accettare l’incarico”.

Oltre al narcotraffico, ad un’ottima colonna sonora, nozioni di arti marziali, lo scrittore si esprime egregiamente anche su medicina e chimica, rendendo il tutto ancora più appassionante.
In Hielo Negro agiscono diversi personaggi e le loro storie si intersecano in maniera eccellente, ben si presta il libro anche ad una trasposizione cinematografica.
Bernardo Fernández, nato a Città del Messico nel 1972, è un pluripremiato scrittore, fumettista e grafico messicano.
Oltre ad Hielo Negro ha già pubblicato Gel Azul, Cuello Blanco e Tiempo de Alacranes, quest’ultimo già vincitore del Premio Romanzo Poliziesco “Una Vuelta de tuerca” e del Premio in memoria di Silverio Cañadas, durante il festival del noir di Gijón.
Hielo Negro, già Premio Grijalbo, come molte sue opere, è già stato tradotto in inglese, francese, tedesco, olandese e cinese.
Ed è un libro che non si può mancare di leggere.
La traduzione è curata da Roberta Botta ed è edito in Italia dalla casa editrice Logus Mondi Interattivi, è possibile leggerlo in formato ebook scaricandolo a questo link:

martedì 17 maggio 2016

La sfida per la piccola editoria nel presentarsi al mercato in forma aggregata. VISIONI FUTURE





Intervento all'interno della conferenza "Desiderata Library -L'innovazione editoriale: un ambiente di lettura interattivo, una piattaforma per scrivere, gestire e pubblicare contenuti"
15/05/2016, Salone di Torino 2016

"Premessa"

Desiderata Library nasce da una aggregazione di editori che ha sondato e condiviso criticità ed esigenze. Il cluster di editori, attivatosi attraverso Sardegna Ricerche, ha cosí lavorato per oltre due anni partorendo la piattaforma che già é stata illustrata. Ma questo é solo il punto di partenza.
Oggi possiamo fare ancora di più, e il come passa nuovamente per l'aggregazione.



In primis avrei dovuto parlare dei problemi di cui soffre la piccola editoria, ma per motivi di tempo e perché ormai (purtroppo) anche in buona misura ben noti, sorvolerò sulla questione.
Andiamo invece subito ad analizzare i punti di forza della piattaforma e del perché l'aggregazione risulti strategica.


"I punti di forza di Desiderata Library"

La tecnologia sottesa, il DesiderataBook, la navigazione per ontologia e tag, fa sì che l'esperienza di lettura, ma anche la creatività con la quale l'editore può creare nuove opere, sia veramente unica. Non conosco nessun editor o piattaforma legata ai libri che sia capace di fare questo, ovvero dato un certo catalogo di libri, fare, da lettore e creare, da editore/autore, letture trasversali alle opere.
Altre funzionalità molto interessanti riguardano la facilizzazione per i motori di ricerca di trovare i titoli del catalogo, creare contenuti aumentati, mappe interattive, collegamenti e video embedded, etc.
Ancora due aspetti molto importanti sono stati fortemente voluti per la piattaforma:

  1. il formato web dei libri digitali - questo assicura lunga vita alle opere in quanto il formato html rappresenta uno standard più stabile e duraturo dei vari formati epub, mobi è così via.
  2. Il secondo aspetto, nato fin dall'inizio nel cluster é di mantenere viva la condivisione dello stesso letto, potremmo dire, del cartaceo e del digitale. La piattaforma per come é stata pensata e sviluppata permette la coesistenza pacifica e proattiva di entrambi i formati e quindi la possibilitá per gli editori di poter partecipare all'aggregazione anche senza aver fatto scelte definitive in merito.
Le facilitazioni a creare reti
La piattaforma permette agli editori, in modo molto semplificato, facile e autonomo, di gestire, creare, caricare le proprie opere. In pochi passaggi l'editore diventa così parte attiva di un catalogo molto più articolato del proprio, permettendo poi di poter attivare una serie di sinergie impossibili al singolo. Sono queste le facilitazioni a creare rete che la piattaforma permette a tutti gli editori aderenti. Il tutto anche consentendo il mantenimento della propria individualità e scelte aziendali.

Big data e analisi per la pianificazione editoriale
Un'altra delle funzionalità avanzate della piattaforma è legata alla possibilità di raccogliere i dati provenienti dalle statistiche di lettura. L'analisi di questo dati mette in mano all'editore aderente uno strumento potentissimo per la pianificazione e programmazione dei nuovi titoli da pubblicare.



"LE SFIDE"
L'idea é di partire dai cataloghi regionali, che presentano una ricchezza libraria immensa e con tutte le caratteristiche positive di bibliodiversità, che contrasta l'omologazione delle pubblicazioni generaliste.

Come editori aderenti alla piattaforma abbiamo oltre 100 opere già caricate e possiamo raggiungere le 1000 a brevissimo.
Il catalogo regionale sardo ad es. conta oltre 8000 opere. L'obiettivo é di raggiungere 20/30 mila opere coinvolgendo altri partners nel breve periodo.

I tematismi dei cataloghi regionali sono molto interessanti e ben integrabili tra loro con una serie di sinergie di rilievo che fin d'ora si possono immaginare.
Nella prima fase di transizione si pensa di aprire la piattaforma ai lettori con degli incentivi basati in parte sulla gratuità in modo da cominciare a sperimentare sul campo e raccogliere il maggior numero di feedback. Allo stesso tempo si prevede di coinvolgere altri editori che apportino opere al catalogo, mettendo a loro completa disposizione le funzionalità della piattaforma sopra illustrate.

"LA MIA OSSESSIONE PERSONALE"
Agli editori aderenti vorrei che fosse assicurata, quella che è ormai la mia personale ossessione: RESTITUIRE IL LETTORE ALL'EDITORE E ALL'AUTORE CON NOME, COGNOME ED EMAIL, favorendo così le operazioni innovative di re-marketing E questo con opportune clausole di onestà verso la piattaforma é sicuramente realizzabile.
Questo contatto, già perso con il sistema di distribuzione del libro cartaceo, con l'avvento degli stores e dell'e-commerce è passato ai grandi players.
Ma è chi ha pubblicato il libro (l'editore) e chi lo ha realizzato (l'autore) che sono i migliori interlocutori del lettore che quel libro ha acquistato. Gli stores parlano del libro per "sentito dire", l'editore e l'autore perchè quel libro lo hanno vissuto e possono così intessere un dialogo vero e profondo con il lettore.

"LA FASE DI CATALIZZAZIONE"
In questo momento, come detto, siamo nella fase di catalizzazione per raggiungere la massa critica, per raggiungere un numero di titoli che possa essere appetibile per i vari soggetti come lettori, università biblioteche e scuole.
Perciò non facciamo altro che aspettare altri passeggeri a bordo per iniziare questo viaggio, che promette molto bene.


>>>Scarica le slide della presentazione>>>                    

Pier Luigi Lai
founder e direttore editoriale di Logus mondi interattivi
membro di AES (Associazione editori sardi)


p.s. Si ringrazia AES per aver caldeggiato l'intervento

martedì 1 dicembre 2015

L'editore non tiene mai paura: pirateria e sistemi di protezione degli ebook

L'editore non tiene mai paura,
dritto sullo scaffale,
fuma la pipa,
in questa alba fresca e scura
che rassomiglia un po' alla vita.
[licenza poetica da una canzone di De Gregori]


Arriva un certo momento nella vita dell'editore (e arriva per tutti)  che nella sua testa si insinua una sorta di illuminazione. Di fronte al caffè, alle 7.30 del mattino, una domanda si fa strada: "perché non trasformare in digitale questo bel catalogo di libri cartacei che ho a disposizione e raggiungere i lettori che non ho mai raggiunto?"


"perché non trasformare in digitale questo bel catalogo di libri cartacei che ho a disposizione e raggiungere i lettori che non ho mai raggiunto?"



L'euforia è tanta; in barba alla dieta il caffè è subito seguito da ben due cornetti strazzeppi di crema al cioccolato. 

Ed in modo automatico e tempestivo si accende la calcolatrice virtuale  pronta a calcolare copie vendute, numero di lettori e fatturato.

Gratificato dalle cifre in gioco (e dai due cornetti !!!) si comincia a pensare a come realizzare l'idea: "la digitalizzazione è solo un problema tecnico, per la distribuzione una soluzione la trovo sicuramente, ma... ma..."


Sì, c'è sempre un "ma" nelle belle idee.


Il "ma" è la PIRATERIA. 


Sì, la PIRATERIA, quella con tutte le lettere maiuscole. La pirateria spaventa!!!
E allora che fare?


La pirateria per i libri digitali

In ordine inverso, una notizia buona e una cattiva.

La pirateria dei libri digitali esiste (anche di quella cartacea)!!!
La pirateria non è un problema.


La pirateria dei libri digitali esiste!!!
(la pirateria esiste anche per i libri cartacei)
La pirateria non è un problema!!!???


E' vero, anche i miei libri esistono in un sito web non autorizzato e che si sposta attraverso tutti i paesi dell'est Europa. Per farlo oscurare occorrerebbe una rogatoria internazionale. Ne vale la pena? E' veramente un problema?
No sicuramente !!!

Che fare?
Proprio niente. La pirateria, da quando è nata la distribuzione di prodotti digitali non è mai stata un problema, e anzi spesso è servita alle aziende per farsi conoscere. E' il caso dei softwares.

Chi non ricorda le copie pirata di Autocad che servivano per far "affezionare" gli studenti all'uso del potente software per il disegno tecnico e farli diventare "Gent.li clienti" una volta che si sono trovati a praticare la professione?

E' il caso della musica, le cui copie pirata circolano per far conoscere l'artista e magari guadagnano facendo i concerti dal vivo.
Anche gli ebook vengono piratati, anche se il fenomeno è molto più limitato come dimensione rispetto ai primi due.

E c'è di più: siamo sicuri che una persona che utilizza la pirateria per ottenere un libro sia un cliente perso?
Io penso di no; molto probabilmente quel lettore non l'avremo mai intercettato.
Invece, di contro, magari, sarà lui a parlare del libro agli amici, i quali potrebbero acquistare il mio libro. 

Tutto questo, come detto, è già avvenuto per la musica e per i softwares e già sta avvenendo per gli ebook da ormai 7 anni.
Quindi la pirateria esiste, ma non è un problema.

E l'editore non tiene mai paura.

La protezione degli ebook: DRM o non DRM, questo è il dilemma

Ora affrontiamo il rovescio della medaglia: il cosiddetto DRM (Digital Rights Management - Gestione dei Diritti Digitali - vedi Wikipedia)

Qualche anno fa in Italia si affermò quello che oggi è chiamato hard DRM, ovvero un sistema di protezione della copia degli ebook molto farraginoso. Il sistema lasciò dormire sonni tranquilli agli editori solo per poco. E complicarono di molto la vita del lettore. Infatti le procedure di blocco e sblocco erano così complicate che, il lettore stufo di cotanto lavoro, alla fine cercava di sproteggere il libro con i metodi più o meno (sempre di meno) leciti. 
Alla fine l'hard DRM (ironia della sorte) risultò un incentivo alla pirateria.

l'hard DRM risultò un incentivo alla pirateria

Perciò tutti gli editori, compresi quelli più grandi, mano a mano hanno cominciato ad abbandonare il sistema ed oggi sono ancora pochissimi quelli che lo utilizzano e solo per alcuni libri digitali particolarmente costosi e ricercati.
Dimenticavo: è possibile rimuovere gli hard DRM semplicemente con un software apposito ed un clic di mouse. Naturalmente si sta realizzando un illecito (è come entrare a rubare all'interno di una casa non chiusa a chiave). Perciò l'hard DRM rende la vita difficile solo agli onesti e non ai disonesti :)

La verità sta sempre nel mezzo: social DRM e watermarking

Il social DRM o watermarking, sono due tipi di protezione leggera degli ebook. Questi sistemi scoraggiano i non professionisti dal fare copie dei libri acquistati, ma allo stesso tempo non creano nessuno ostacolo alla lettura e la rendono fluida e facile senza dover superare nessun filtro. Anzi permettono anche la trasformazione in altri formati (ad es. in formato mobi) per poter essere letti su altri readers e piattaforme di lettura.

Il suo funzionamento è semplice, si tratta di stampare in ogni pagina dell'ebook, sotto forma di testo, di immagine o di codice, i dati dell'acquirente del libro e codici di transazione e acquisto. E' come una filigrana che marchia i libri con il nome del proprietario.
Per realizzarlo si utilizzano dei softwares che vengono sviluppati appositamente.

Il metodo funziona e scoraggia la copia illegale e rende al libro la sua totale dignità: è un bene prezioso dietro al quale c'è tanto lavoro ed è giusto che abbia il suo riconoscimento economico. 

Per oggi è veramente tutto, spero che queste piccole considerazioni, in mezzo al discorso semiserio ti siano veramente utili.
E se hai bisogno di scambiare due chiacchiere più approfondite, contattami pure, sono a disposizione.

Pier Luigi Lai
Direttore editoriale e consulente per la digitalizzazione delle case editrici 




giovedì 3 settembre 2015

Libri digitali scolastici ed educativi: una questione di risparmio o di innovazione?



Con Roberta, di fronte ad un buon caffè, a parlare di libri digitali scolastici, di profumo della carta, di prezzi bassi, ma anche di ebook aumentati, di carrozze e automobili e di insegnanti innovatori e appassionati.
Immagine di base tratta da: www.key4biz.it - Dati 2015 sulla lettura


Allora Pier, gli ebook, sono finalmente entrati nelle scuole italiane di ogni ordine e grado, sarai contento no?

Roberta, io non penso siano così diffusi. Mia figlia in quarta ginnasio, non ha mai visto un ebook. Anche per le letture estive i consigli per gli acquisti sono andati tutti verso libri cartacei.

Beh, ma dai, Pier: vuoi mettere il profumo della carta contro lo sterile schermo digitale?

Bè, mia cara, preferirei che mia figlia non avesse la scoliosi! 

Su questo non posso darti torto, la mia schiena si lamenta ancora a causa del mio zaino della Barbie stracolmo di libri, e pensare che io ero anche perfettina, mettevo tutti i volumi in ordine di grandezza! 
Comunque, a parte gli scherzi Pier, i tg stanno facendo propaganda per gli ebook, facendo leva sul costo più basso rispetto ai libri cartacei! 

Sai Roberta, mi chiedo sempre il perché un libro digitale debba costare meno di un libro cartaceo. La risposta che mi do è una sola: si vede il libro digitale come una copia tale quale del libro cartaceo. Ma questa non è evoluzione. Come diceva Ford “Se avessi chiesto alla gente cosa voleva, mi avrebbero detto cavalli più veloci” a proposito delle prime automobili.
Il libro digitale deve essere completamente inventato, alcune cose sono già evidenti, ma altre devono ancora venire. Alcuni sicuramente costeranno meno, ma alcuni altri potrebbero costare di più perché, restando nel campo dei libri scolastici, aiutano a imparare una materia in un modo nuovo e più efficiente. 

Beh, devo ammettere che non hai tutti i torti Pier. Specialmente per quanto riguarda i titoli educativi, infatti, per quanto riguarda la narrativa italiana e tradotta, penso che il prezzo sia più basso perché l’investimento da parte dell’autore e dell’editore è minore. Banalmente, non si stampa, e il costo della carta è soppresso. Ma capisco che per i titoli scolastici sia un discorso piuttosto diverso, gli investimenti sono maggiori anche nella grafica credo. Suppongo che ad oggi, l’inconveniente maggiore sia la scelta per ora limitata di titoli, che potrà aumentare se gli ebook verranno effettivamente adottati dalle scuole e richiesti dagli studenti.


C'è una inerzia di mercato che spiega questo fenomeno. Gli investimenti sul digitale sono ancora pochi. In generale però, nei primi mesi del 2015 i titoli disponibili sono aumentati di moltissimo, hai visto come sono preparato?

Preparatissimo! E i professori lo saranno? Quando penso alla mia prof di lettere che legge i Promessi Sposi da un tablet, mi immagino un dinosauro in un bicchier d’acqua.

Stai scherzando? Studiando a fondo il settore mi sono reso conto di un fatto straordinario: gli insegnanti innovatori sono distribuiti in tutte le fasce d'età. Anche docenti prossimi alla pensione utilizzano strumenti digitali per attirare i ragazzi e coinvolgerli pienamente nello studio delle varie materie. 

Non tutte le materie però possono essere insegnate via ebook, pensiamo al disegno tecnico. Ma quante, come la geografia o l’arte potrebbero essere rese più interessanti e multimediali nei confronti degli studenti? Senza contare che tra i fruitori degli ebook ci sono anche e soprattutto studenti con diverse disabilità.


En construcción gears
(da www.piziadas.com)
Mah, penso che non ci siano preclusioni di materie. Lo stesso disegno tecnico, con una gif (immagine animata) fruibile con un ebook, può essere spiegato in modo molto più efficace che attraverso un libro cartaceo. Inoltre la possibilità di somministrare test al lettore, fa diventare gli ebook anche auto-istruenti.
Per le disabilità si sta aprendo una finestra su spazi sconfinati. Sono necessarie figure trasversali per creare i contenuti, ma i risultati che si possono ottenere sono infiniti. Il text to speech ad esempio è utilissimo nel caso delle dislessie ed è una funzionalità che ha qualsiasi pc, tablet e smartphone.


Vabbè, ma il cameriere si è dimenticato di noi? 

Pier Luigi e Roberta

Roberta Botta è traduttrice free lance e appassionata di tecnologia editoriale, nonché amante delle belle letture.
Pier Luigi Lai è direttore editoriale e fondatore di Logus mondi interattivi, una casa editrice totalmente digitale ed è nel settore dal 2008.


p.s. Ecco la normativa sottesa ai libri digitali nella scuola. Come si vede è dal 2008 che il legislatore ha deciso di introdurre il libro digitale a scuola, ma qualche “inerzia” sta frenando il processo.